Cerca nel sito
Chiudi

Tempo di Tromboplastina Parziale: la guida completa

Il tempo di tromboplastina parziale (Ptt) è l’esame che serve a valutare le capacità di coagulazione del sangue di un soggetto per valutare eventuali disordini emorragici o episodi trombotici

Si parla di tempo di tromboplastina parziale (Ptt) per definire l’esame finalizzato a valutare la capacità di coagulazione del sangue del soggetto. Il test viene condotto nell’ambito di indagini relative a eventuali episodi trombotici o emorragici.

Il Ptt misura quanto tempo ci mette un campione di sangue a formare dei coaguli dopo l’aggiunta di specifici reagenti. Questo esame è noto anche come tempo di tromboplastina parziale attivata (aPtt) quando vengono aggiunti al campione di sangue agenti chimici attivanti.

Vediamo allora in che cosa consistono queste analisi, quando e perché vengono prescritte e come interpretarne correttamente i risultati.

Nome

Tempo di tromboplastina parziale

Altro nome

Tempo di tromboplastina parziale (Ptt)

Codice Regionale

90761

Quando e perché viene prescritto il Ptt?

Le ragioni principali per cui viene richiesto un test del Ptt sono:

  • Valutazione di eventuali disordini emorragici o episodi trombotici
  • Monitoraggio terapie anticoagulanti
  • Valutazione del paziente prima di un intervento chirurgico
  • Coagulazione intravascolare disseminata (Cid), una condizione acuta che può provocare trombosi e sanguinamenti

Il medico può decidere di prescrivere queste analisi nell’ambito delle indagini cliniche per diagnosticare:

  • Lupus anticoagulante
  • Patologie epatiche che possano alterare l’emostasi, ovvero l’insieme di processi che consentono all’organismo di bloccare il sanguinamento
  • Sindrome da antifosfolipidi

Il Ptt può essere richiesto anche in caso di presenza di anticorpi anticardiolipina o nell’eventualità di ricorrenti aborti spontanei.

Il tempo di tromboplastina parziale, inoltre, viene utilizzato molto spesso per valutare i fattori della coagulazione che contribuiscono ai processi di emostasi quali:

  • Protrombina
  • Fibrinogeno
  • Fattore V
  • Fattore VIII
  • Fattore IX
  • Fattore X
  • Fattore XI
  • Fattore XII
  • PK (precallicreina)
  • HMWK (chininogeno ad alto peso molecolare)

Per indagare su disordini emorragici o episodi trombotici, nella maggior parte dei casi, il Ptt viene prescritto in abbinamento al tempo di protrombina (Pt).

Qual è il campione necessario per il test?

Il campione di sangue necessario per effettuare il tempo di tromboplastina parziale può essere prelevato dalla vena di un braccio.

Come ci si prepara all’esame?

Non ci sono richieste specifiche per effettuare il test del Ptt. Tuttavia il medico potrebbe richiedere di evitare pasti ricchi di grassi nelle ore che precedono il prelievo in quanto potrebbero alterare i risultati delle analisi e non fornire un quadro corretto e preciso del paziente.

Cosa indica il valore di Ptt alto?

Per quanto riguarda il tempo di tromboplastina parziale sono considerati normali tutti quei valori compresi in un range che va da 60 a 70 secondi circa.

Nel caso, invece, del tempo di tromboplastina parziale attivata, i valori normali dovrebbero essere compresi tra i 28 e i 40 secondi.

Avere un Ptt alto significa che il processo di coagulazione dell’organismo è allungato per cui necessita di più tempo per essere completato. Le ragioni di questa anomalia possono essere ricercate in molteplici condizioni o patologie quali:

  • Malattie del fegato, organo nel quale viene sintetizzata la maggior parte dei fattori di coagulazione
  • Carenza di vitamina K
  • Carenza di fattori della coagulazione (che può essere ereditaria)
  • Malattia di von Willebrand, uno dei disturbi emorragici più comuni, che altera il corretto funzionamento delle piastrine
  • Emofilia (A e B), un disturbo emorragico ereditario

I tempi allungati del Ptt possono essere dovuti, inoltre, a terapie anticoagulanti, ad alcune tipologie di leucemia, agli eccessivi sanguinamenti prima o dopo il parto o, ancora, agli aborti spontanei.

Cosa vuol dire avere un Ptt basso?

Avere un tempo di tromboplastina basso, al contrario, significa che il sangue impiega meno tempo del normale a coagulare. Questo può essere dovuto a molteplici ragioni quali:

  • Infiammazioni o traumi dei tessuti che comportano un incremento significativo del fattore coagulante VIII
  • Cancro del colon, delle ovaie o del pancreas (tranne nei casi in cui è coinvolto il fegato)
  • Coagulazione intravascolare disseminata (Cid)

Altre informazioni utili da sapere

Ci sono altri fattori che possono alterare i risultati del test relativo al tempo di tromboplastina parziale. I pazienti che, ad esempio, presentano un ematocrito alto potrebbero manifestare tempi di coagulazione allungati che non sempre corrispondono alla realtà.

Tra i fattori in grado di alterare i risultati ci sono anche diversi farmaci quali:

  • Aspirina
  • Clorpromazina
  • Vitamina C
  • Antistaminici

Trattamenti a base di eparina possono provocare una diminuzione delle piastrine nota come trombocitopenia. Si tratta di una complicanza che può essere gestita sostituendo l’eparina con altri anticoagulanti che fungono da inibitori diretti della trombina.