Cerca nel sito
Chiudi

La vitamina D

A cura di
Francesca
Michelacci

La vitamina D è un elemento essenziale per il corretto funzionamento del nostro organismo. Vediamo cos’è, a cosa serve.

Vitamina D: cos’è e a cosa serve?

La vitamina D è una vitamina liposolubile, essenziale per molte funzioni dell’organismo, in particolare per l’assorbimento di alcuni minerali a livello intestinale (calcio, magnesio e fosfato).

Nell’essere umano, la vitamina d si presenta si presenta in due forme:

  • Vitamina D3 (colecalciferolo) che viene sintetizzata dal nostro organismo
  • Vitamina D2 (ergocalciferolo) che viene assunta con il cibo.

La vitamina D favorisce l’assorbimento intestinale del calcio e aiuta a mantenere  i livelli di calcio e fosforo, in modo da garantire una corretta mineralizzazione dell'osso, fondamentali per la sua crescita e il suo rimodellamento.  Livelli ottimali di vitamina D prevengono il rachitismo nei bambini, la fragilità ossea nell'adulto, e l’osteoporosi nell'anziano.

La vitamina D ha, inoltre, molte altre funzioni fisiologiche importanti per il nostro organismo, inclusa la modulazione della crescita cellulare, il rafforzamento e la regolazione delle difese immunitarie, il mantenimento della funzione neuromuscolare. Queste ulteriori funzioni fisiologiche avvalorano l'ipotesi che la Vitamina D sia coinvolta in altri disturbi, come le malattie autoimmuni e i tumori.

In quali cibi si trova la vitamina D?

La vitamina D è presente in modeste quantità in:

  • Pesci grassi, come il salmone e le aringhe
  • Olio di fegato di merluzzo
  • Fegato di bovino
  • Uova
  • Latte e derivati
  • Formaggi grassi
  • Funghi.

Inoltre possiamo trovarla anche sotto forma di integratore dietetico.

Come si crea la vitamina D?

La presenza nell'organismo di vitamina D è dovuta in minima parte all'assunzione alimentare. La maggior parte della vitamina D, infatti, si forma attraverso la sintesi cutanea, in seguito all'esposizione ai raggi solari UV-B. 

In ogni caso, la vitamina D deve essere attivata per poter essere utilizzata dal nostro organismo, e questo avviene a opera di due reazioni:

  • La prima nel fegato: conversione a calcidiolo [25(OH)D], 
  • La seconda nel rene, dove si produce la forma fisiologicamente attiva [1,25(OH) 2 D], il calcitriolo.

Il metabolismo della vitamina D può essere influenzato da vari fattori, per esempio:

  • Fattori ambientali come l'esposizione al sole, uso di creme solari protettive che impediscono la fotoconversione, la pigmentazione della pelle e l'abbigliamento
  • Fattori fisiologici come l'età, indice di massa corporea, volume extracellulare
  • Fattori genetici come i polimorfismi di geni coinvolti nella sintesi dei recettori o di enzimi
  • Fattori individuali come l'abitudine al fumo, patologie o terapie farmacologiche che ne limitano l'assorbimento o la trasformazione.

Cosa succede se si ha carenza di vitamina D? 

Studi epidemiologici hanno riscontrato un'elevata percentuale di casi di carenza di vitamina D nella popolazione generale, complice anche il cambiamento di abitudini della società, per cui diminuiscono sempre più i momenti all'aria aperta e alla luce del sole in favore di quelli tra le mura domestiche o in ufficio. 

I sintomi più comuni della carenza di vitamina D sono:

Le conseguenze della carenza possono portare a esiti anche gravi. Il malassorbimento di calcio infatti rende le ossa più fragili e quindi più esposte a:

  • Deformazioni 
  • Osteoporosi 
  • Problemi alle articolazioni
  • Fratture.

Il deficit di vitamina D, come accennato sopra, durante l'infanzia provoca rachitismo e ossificazione incompleta, durante la crescita. È possibile, inoltre, che la carenza porti a un insufficiente sviluppo muscolare, con comparsa di crampi, formicolii, e spasmi. 

Quanta vitamina D bisogna assumere?

Visti i numerosi compiti e funzioni di questo prezioso micronutriente, recentemente i livelli di assunzione raccomandati sono stati innalzati, proprio per garantire tutti i benefici legati a un corretto livello di vitamina nell'organismo.

ILARN (livelli di assunzione di riferimento per la popolazione italiana) raccomandano 10µg (400 IU) di vitamina al giorno fino a un anno di vita, 15 µg (600 IU) per bambini, adolescenti e adulti e 20µg (800 IU) per gli anziani. La vitamina D viene espressa come colecalciferolo (1 μg di colecalciferolo = 40 IU vit. D).

Cosa fare in caso di ipovitaminosi D?

Nel caso di ipovitaminosi D il medico curante o lo specialista consiglieranno una supplementazione vitaminica. La vitamina D somministrata si accumula in gran parte nel tessuto adiposo, per poi essere rilasciata gradualmente. Questo aspetto consente di utilizzare diversi schemi di somministrazione: giornaliera, settimanale, mensile, trimestrale o annuale (per bocca o intramuscolo).

La supplementazione giornaliera di vitamina D è di circa 800 - 1000 UI al giorno, ma può aumentare fino A 2000 - 4000 UI (sempre al giorno) nelle condizioni di severo deficit, con concomitante assente esposizione solare, ridotto apporto dietetico e ridotto assorbimento di calcio.

Bisogna ricordare però che la fonte primaria di vitamina D rimane l'esposizione alla luce solare: è necessario quindi passare più tempo possibile all'aria aperta, migliorando il proprio stile di vita che andrà a incidere positivamente sulla nostra salute.

Quando viene prescritto l’esame della Vitamina D?

È necessario fare il test della Vitamina D per verificarne o meno la carenza e quando è necessario monitorare l’eventuale supplementazione della stessa. Il test della vitamina D viene prescritta in caso di:

  • Valori anomali di calcio, fosforo e PTH
  • Diagnosi di una patologia ossea
  • Sospetto di carenza di vitamina D
  • Integrazione di vitamina D per verificare e controllare le concentrazioni raggiunte.

Il dosaggio della vitamina D riveste un ruolo essenziale nell'osservazione dei pazienti che presentano disturbi del metabolismo del calcio associati a:

Inoltre, l’esame è indicato per il monitoraggio di tutti quei soggetti a rischio, come anziani e persone ricoverate, persone obese o che hanno subito bypass gastrico.

L’esame si esegue attraverso il prelievo di un campione di sangue venoso e non richiede alcuna preparazione. 

A cosa serve l’esame per la Vitamina D?

L’esame consente di verificare la quantità di vitamina D presente nell’organismo e accertare se il paziente sia carente o meno. I valori di riferimento sono i seguenti, per uomo e donna, espressi in ng/ml:

  • Carenza: minore di 10
  • Insufficienza: 10 - 30
  • Sufficienza: 30 – 100
  • Tossicità: maggiore di 100.

Tali valori sono sovrapponibili a quelli indicati dall'US Endocrine Society che definisce la carenza a valori < 20 ng/ml e l'insufficienza compresa tra 21 e 30 ng/ml, e dall'Institute of Medicine statunitense, che riconosce in valori pari o superiore a 20 ng/ml una concentrazione adeguata per il mantenimento di una buona salute ossea. Livelli superiori a 30 ng/ml non offrono effetti significativamente migliori.

Ricordiamo infine che la carenza di vitamina D non si misura con il dosaggio ematico della forma attiva, infatti l'1,25 (OH)₂D non riflette l'effettivo stato della vitamina perché ha un'emivita troppo breve e i suoi livelli nel sangue periferico sono di gran lunga inferiori a quelli del 25(OH)D, considerato il miglior indicatore sierico, con un'emivita di due-tre settimane.